Regenbogenparade 2008

Colorata, divertente e piena di “Lust auf Leben” e ironia. Organizzazione e rete di security (mimetizzata) perfette, anche grazie al numero di partecipanti, 120.000, che a noi fa un po’ sorridere ma per Vienna sono comunque tanti. Dietro all’ultimo carro, un efficiente servizio di pulizia (con i netturbini che indossavano t-shirt con la scritta “Make love not waste” :D) per dare meno disagio possibile ai cittadini. Tutto il percorso è rimasto ovviamente bloccato al traffico fino alla fine della manifestazione, quindi dalle 14 fino almeno alle 17, ora in cui i primi camion arrivavano a Heldenplatz.
Come sempre c’è il rischio in queste manifestazioni che l’aspetto più trasgressivo metta in ombra le rivendicazioni delle associazioni, come è stato fatto da alcuni giornali popolari. Ma chi c’era sa che alla fine è stato come un grande carnevale estivo, un po’ hippy un po’ Rocky Horror Picture Show, con tanta musica da tutto il mondo (un intero “carro” solo per un locale di musica balcanica, il Ballcancan), un numero speciale del quotidiano Kurier che ha sostenuto la manifestazione, e un gran raduno finale a Heldenplatz, dove tra brezen dolci e wurstel di tutti i tipi si sono esibiti gruppi musicali locali (ma anche internazionali, sembra, io sono dovuta scappare).
Stranissimo vedere una parata del genere passare davanti all’università, al municipio, al parlamento, per fermarsi poi a due passi dall’Hofburg e dalla zona più turistica e “nobile” della città (quella con i musicisti classici per le strade e le carrozze , insomma). Col risultato che in centro di arcobaleni e parrucche se ne sono viste un bel po’ per tutto il pomeriggio. Ma né turisti né anziani sembravano disapprovare.

A Roma tolgono il patrocinio al gay pride, a Vienna la Regenbogen è dal 1996 una festa anche per famiglie e turisti. Anche se su Internet c’è stata qualche polemica.

Ovviamente una cosa del genere non può che essere il paradiso per qualunque fotografo. E ogni volta che attraverserò quei luoghi mi ricorderò anche di loro…

Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008 Regenbogenparade 2008
E cominciano anche ad arrivare i video:

Regenbogenparade 2008Solo una cosa non mi ha convinta: i bambini sui carri. Sempre meglio che essere abbandonati il sabato pomeriggio dai genitori, ma non sembravano tutti al settimo cielo.

 
La pioggia e i tuoni mi fanno intuire che stasera il Rathaus Filmfest salta. Peccato 😦 Ma almeno mi riposo.

Annunci

6 Risposte to “Regenbogenparade 2008”

  1. Grissino Says:

    Ho idea che a me sarebbero interessati solo i brezeln dolci e wurstel ^_^

  2. Grissino Says:

    Torno per un commento aggiuntivo a proposito del Blog… non vedo riferimenti al cibo, ai dolci, alle 1000 leccornie che si trovano ovunque. Ma una Wiener Schnitzel con mirtilli rossi e patatine fritte almeno l’hai mangiata vero? E una torta da Oberlaa o Landtmann?

  3. xalira Says:

    Eh, da un lato io sono vegetariana, quindi metà delle bontà viennesi me le perdo, dall’altro sto tirando la cinghia finché non mi arriveranno i soldi dall’università, poi recupero, vedrai :).
    In realtà visto che il titolo è proprio “non solo sacher” volevo cercare di dare informazioni su una Vienna meno nota… E poi, ho visto che la parte culinaria la fai benissimo tu nel tuo blog 😉

    Grazie per essere passato 🙂

  4. Grissino Says:

    Ohibó vegetariana!! Come la mia bravissima prof di tedesco di due corsi fa! 😛

    Che la Sacher la “buttiamo” siam d’accordo ma tutte le altre buone cose!! Puoi fartele anche da te! Io stasera knödel ripieni di castagna, panna cioccolato e vermicelli di castagna. Ma tutto fatto da me e poi surgelato 😉

  5. Grissino Says:

    P.s.: questo ristorante vegetariano di cui fanno tanta pubblicitá. Non ci son mai stato, potresti provarlo 😉

    http://www.hollerei.at/

  6. xalira Says:

    In effetti devo migliorare le mie doti culinarie, non ne posso più di zuppe knorr e spaghetti! Grazie per il link, prima o poi vorrei fare un post sul tema ristoranti vegetariani a Vienna.

    Buona serata!

    (e a me comunque la Sacher piace, eh :P. Ma solo quella che fanno qui)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: