Archive for settembre 2010

Un motivo in più per tornare a Vienna (ancora)…

settembre 8, 2010

bono vienna

… Tornare al St Marxer Friedhof e capire dove (e perché) è stata scattata questa foto! 😀 Tra l’altro la location è molto famosa: oltre a essere quello di Mozart, è l’unico cimitero Biedermeier ancora esistente al mondo (ne avevo parlato qui).

Non sono riuscita a scrivere ancora niente, chiedo perdono. Anche perché sulla Donauturm, sul Dorotheum e sul Liechtenstein Museum qualcosa devo dirlo, però mi è scaduto l’account pro su Flickr e sto aspettando di rinnovarlo. Abbiate fede! 😉

Wien ist anders (oder nicht?)

settembre 2, 2010

Questo è quello che ha detto Bono nel suo terribile tedesco, lunedì… E in effetti i fan austriaci erano fuori di testa, dopo aver dovuto attendere un anno più degli altri europei per rivederli. Posso ritenermi fortunata: in una leg in cui cambiamenti minimi sono visti come un miracolo, rispetto a Torino abbiamo sentito New Year’s Day (le decine di polacchi ringraziano), l’inedita Every breaking wave, alla seconda esecuzione assoluta, e Ultraviolet, che in altre date è stata sostituita da Hold me, thrill me della colonna sonora di Batman forever (pezzone!). Purtroppo il vento freddo e alcune incredibili negligenze da parte dei tecnici hanno causato dei problemi a Edge (chitarre scordate o senza cavi), con Bono costretto a fare la scimmia più del solito per distogliere l’attenzione (e c’è riuscito, io non mi ero accorta di nulla). Alla fine 23 pezzi invece di 24, ma la canzone segata era un altro inedito, carino ma non imperdibile.

Mi avevano parlato bene dei fan austriaci, e ne ho avuto conferma: calda accoglienza per gli americani OneRepublic (tecnicamente bravi e sciolti sul palco, ma canzoni perfettamente inutili), e una ola interminabile per tutto lo stadio in attesa del momento fatidico (si parlava di 72.000 spettatori, probabilmente meno). Ma soprattutto, l’ho notato nelle ore prima del concerto, quando mi sono messa in coda (verso le 11.45) e ho attaccato bottone con due cechi e un fratello e una sorella di Wiener Neustadt. Da lì al banchetto alcolico c’è voluto molto poco 😀 E tutto questo nel primo pomeriggio… Peccato esserci persi al momento di correre verso il palco. Io ho agguantato la mia transenna esterna, pronta con il mio cartello “Italian opera singer free tonight” (Miss Sarajevo è fissa in scaletta), ma Bono ha preferito fare la parte di Pavarotti tutto da solo anche stavolta…

Bel concerto, ho potuto notare molte cose nuove riguardo alla struttura dello show, e sicuramente non c’era l’aria da “ce la faccio? non ce la faccio?” di Torino, data chiave per vedere se Bono davvero poteva reggere il tour dopo l’incidente alla schiena. Però l’emozione del primo prato, la coda con gli altri italiani, l’urlo “Torinooooo!” e VEDERE che almeno Adam ha letto il mio cartello… Qui ero in prima fila ma era come guardare un acquario. Peccato.

E ora, le foto scattate clandestinamente con la cara 400d 😛 www.flickr.com/photos/xalira/sets/72157624576710291

U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010
U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010 U2 360° from Vienna - August 30, 2010

Per tutto il resto, arriverà con calma… 😉